Felice Apicella's Web Page

general and thoracic surgeon

e-mail: apicellafelice@yahoo.com

*

Dipartimento Emergenza ed Accettazione (DEA) - Triage


top | down | Back home page

(in allestimento)
Il Pronto Soccorso e l'Astanteria sono due strutture ospedaliere ormai superate, sono state sostituite dal Dipartimento Emergenza ed Accettazione (DEA).
All'interno del DEA si identifica un punto triage che smista i pazienti a seconda della priorita' clinica.
Il termine "triage" deriva dal verbo francese "trier" che significa letteralmente "scegliere",operare una selezione.
Quando vi e' una sproporzione tra la richiesta di prestazioni e l'offerta di prestazioni ne deriva la necessitaa' di stabilire la precedenza delle prestazioni in funzione della gravita' clinica.
Del triage si occupa un Infermiere Professionale (IP) alla porta dell'Ospedale.L' IP, in base ai sintomi clinici, attribuisce un codice colore al paziente che viene cosi' classificato ed accede alla prestazione medica o chirurgica.

In base al sistema DRG il paziente che necessita di un intervento chirurgico d'urgenza e' DRG chirurgico e quindi accede alla chirurgia mentre tutti gli altri casi sono DRG medici.

Questi concetti moderni in fase di realizzazione comportano una rivoluzione nell'organizzazione dell'Ospedale e nelle mansioni delle figure professionali operanti alla porta dell'Ospedale.
Siamo abituati a ragionare in termini di Pronto Soccorso medico e Pronto Soccorso chirurgico mentre in questo caso si ha una sola figura professionale medica, il medico del DEA, che in base alla situazione clinica del paziente agisce direttamente o richiede la consulenza dello specialista.

Il medico che accetta il paziente alla porta dell'ospedale deve diagnosticare la malattia e decidere se e' necessaria la terapia chirurgica,solo allora il paziente diventa un paziente chirurgico.

La conseguenza e' che e' necessario un unico medico di accettazione (internista) che si avvale delle consulenze specialistiche disponibili in Ospedale (Ortopedico, Chirurgo,Anestesista,Ginecologo,Cardiologo,Pediatra).

Quanto detto conduce alla necessita' della esistenza di una Medicina d'Urgenza e di una organizzazione interna all'Ospedale per la Chirurgia d'Urgenza.

L'organizzazione della chirurgia d'urgenza deve poter essere indipendente dalle normali attivita' e sopratutto non deve essere subalterna.

1998



 
 
Accordo tra il Ministro della Salute e le Regioni

Le linee guida sul triage intraospedaliero

Il documento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale


LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

Visto l’art. 2, comma 2, lettera b) del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, che affida a questa Conferenza il compito di promuovere e sancire accordi, secondo quanto previsto dall’art.4 del medesimo decreto legislativo;

Visto l’art.4, comma 1, del predetto decreto legislativo, nel quale si prevede che, in questa Conferenza, Governo, regioni e province autonome, in attuazione del principio di leale collaborazione, possano concludere accordi al fine di coordinare l’esercizio delle rispettive competenze e svolgere attività di interesse comune;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 27 marzo 1992, recante: "Atto di indirizzo e coordinamento alle regioni per la determinazione dei livelli di assistenza sanitaria di emergenza";

Viste le "Linee-guida sul sistema dell’emergenza sanitaria" in applicazione del richiamato decreto del Presidente della Repubblica 27 marzo 1992, approvate con l’atto d’intesa tra Stato e regioni, adottato nel corso della seduta dell’11 aprile 1996 di questa Conferenza e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 114 del 17 maggio 1996;

Vista la proposta di accordo in oggetto che è stato trasmesso dal Ministro della salute il 20 aprile 2001;

Considerato che il 10 luglio 2001 il Ministero della salute ha trasmesso il testo nella stesura definitiva con le modifiche concordate in riunione tecnica il 26 giugno;

Considerato che con nota del 25 luglio 2001, il Ministro della salute ha confermato i contenuti della proposta di linee-guida di cui all’oggetto;

Tenuto conto che con nota del 15 ottobre 2001, il coordinamento tecnico dell’area sanità e servizi sociali a nome di tutte le regioni, ha espresso l’avviso favorevole per il documento in oggetto;

Acquisito l’assenso del Governo e dei presidenti delle regioni e province autonome, espresso ai sensi dell’art.4, comma 2, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281;

Sancisce

Il seguente accordo tra il Ministro della salute, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, nei termini sottoindicati:

il Ministro della salute, i presidenti delle regioni e delle province autonome di Trento e Bolzano:

concordano sull’opportunità di definire criteri e indirizzi uniformi su alcuni specifici aspetti del sistema di risposta all’emergenza-urgenza sanitaria, in conformità a quanto previsto dalle richiamate linee-guida del 1996;

convengono che il Ministro della salute fornisca alle regioni ed alle province autonome gli indirizzi ed i criteri generali contenuti nel seguente documento di linee-guida:

triage ospedaliero (valutazione gravità all’ingresso);
 

ALLEGATO
Linee Guida sul "Triage" intraospedaliero per gli utenti che accedono direttamente in pronto soccorso

Considerazioni generali

Il sistema di "triage" è uno strumento organizzativo rivolto al governo degli accessi non programmati ad un servizio per acuti.

Questo processo, con cui i pazienti vengono selezionati e classificati in base al tipo e all’urgenza delle loro condizioni, è da distinguere dalla visita medica, in quanto l’obiettivo del "triage" è proprio la definizione della priorità con cui il paziente verrà visitato dal medico.

Il triage, come sistema operativo, può essere svolto con diverse modalità a seconda dei campi in cui viene applicato: in centrale operativa, in pronto soccorso, sul territorio o nelle maxiemergenze e catastrofi.

Il termine triage deriva dal verbo francese "trier" e significa scegliere, classificare e indica quindi il metodo di valutazione e selezione immediata usato per assegnare il grado di priorità, per il trattamento quando si è in presenza di molti pazienti.

Il presente documento intende affrontare specificatamente la funzione di triage a livello ospedaliero ed in particolare nelle strutture complesse di pronto soccorso, come previsto dall’atto d’intesa Stato regioni sulle linee-guida in materia di requisiti organizzativi e funzionali della rete di emergenza-urgenza, in applicazione del decreto del Presidente della Repubblica del 27 marzo 1992 laddove recita "all’interno del DEA deve essere prevista la funzione di triage, come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti in base a criteri definiti che consentano di stabilire le priorità di intervento. Tale funzione è svolta da personale infermieristico adeguatamente formato, che opera secondo i protocolli prestabiliti dal dirigente del servizio".

La tendenza in crescita e comune a tutte le realtà sanitarie di ricorrere al pronto soccorso da parte di un numero sempre maggiore di cittadini, crea l’esigenza di utilizzare il triage nel pronto soccorso ad elevato numero di accessi.

A livello ospedaliero, la funzione di triage deve essere attivata in tutte le unità operative di pronto soccorso-accettazione, purchè correlata al numero degli accessi.

Le aziende sanitarie devono garantire le risorse per assicurare la funzione di triage.

Tale funzione dovrà essere assicurata in ogni caso e continuamente in quei presidi con oltre 25.000 accessi per anno.

Gli ospedali che, pur essendo al di sotto dei 25.000 accessi per anno, si trovano ad operare in condizioni di flussi periodicamente elevati ed irregolari (turismo stagionale, fiere, manifestazioni, ecc.) devono garantire la funzione di triage proporzionalmente alle necessità.
 

Personale

Il triage deve essere svolto da un infermiere esperto e specificamente formato, sempre presente nella zona di accoglimento del pronto soccorso ed in grado di considerare i segni e sintomi del paziente per identificare condizioni potenzialmente pericolose per la vita e determinare un codice di gravità per ciascun paziente al fine di stabilire le priorità di accesso alla visita medica.

L’infermiere opera sotto la supervisione del medico in servizio, responsabile dell’attività, e secondo protocolli predefiniti riconosciuti e approvati dal responsabile del servizio di pronto soccorso-accettazione o dipartimento di emergenza-urgenza ed accettazione (DEA).

Il triage è patrimonio del pronto soccorso e, ove sussista la rotazione del personale in ambito dipartimentale, deve essere condiviso da tutto il personale infermieristico del dipartimento di emergenza-urgenza ed accettazione medesimo.
 

Formazione del personale infermieristico

L’iter formativo deve essere rivolto al personale con diploma di infermiere professionale o diploma universitario di infermiere e con esperienza sul campo di almeno sei mesi in pronto soccorso, e deve riguardare oltre l’insegnamento di base rispetto alle funzioni di triage anche lezioni di psicologia comportamentale, di organizzazione del lavoro e di tecniche relazionali.
 

Organizzazione del lavoro

L’attività del triage si articola in:

accoglienza: raccolta di dati, di eventuale documentazione medica, di informazioni da parte di familiari e/o soccorritori, rilevamento parametri vitali e registrazione;

assegnazione codice di gravità: è opportuno che vengano attribuiti codici colore sia per criteri di praticità, omogeneità ed efficacia visiva, sia perché di immediata comprensione anche da parte dei pazienti. È necessario inoltre che tale criterio coincida con i codici utilizzati nella fase extraospedaliera.

I codici di criticità, in analogia con i criteri definiti dal decreto del Ministero della sanità del 15 maggio 1992, articolati in quattro categorie ed identificati con colore sono:

codice rosso: molto critico, priorità massima pazienti con compromissione delle funzioni vitali, accesso immediato alle cure;

codice giallo: mediamente critico, priorità intermedia;

codice verde: poco critico, priorità bassa, prestazioni differibili;

codice bianco: non critico, pazienti non urgenti;

gestione dell’attesa: per la rivalutazione delle condizioni dei pazienti che possono mutare durante l’attesa.

Per poter assicurare un livello qualitativo adeguato occorre prevedere la verifica periodica della congruità dei codici assegnati.
 

Strutture

Le strutture in cui viene effettuato il triage devono consentire la raccolta dati, informazioni ed una breve semplice valutazione con rispetto della privacy anche ai sensi della normativa vigente.
 

Informazione all’utenza

È indispensabile garantire una corretta informazione all’utenza sul sistema di triage. Tale azione deve essere sviluppata dalle aziende sanitarie attraverso il supporto di una campagna informativa rivolta alla popolazione (informazione tramite media, distribuzione opuscoli, ecc.) da collocarsi in ogni luogo di attesa contiguo agli ambulatori di pronto soccorso.
 

2002

Triage


top | down | Back home page

e-mail: apicellafelice@yahoo.com
Internet:www.apicella.com/felice -
Copyright © 1997-98-99-2000-2001-2002-2003-2004 feliceapicella - Firenze (I) * update: (17/09/2004) 24.11.06.