MyChat
MySearch   CERCA NELLA RETE
MONRIF.net
Il Giorno
 
Il Resto del Carlino
LA NAZIONE on line
AGGIORNATO AL  01 Dicembre 1999 08:11   < HOME
FIRENZE
monrif
"Troppe irregolarità nella Chirurgia di Torregalli"

Ce l'hanno fatta. Dopo sei mesi i tre saggi incaricati dall'Azienda sanitaria fiorentina di passare al setaccio l'attività dell'area chirurgica dell'ospedale di San Giovanni di Dio a Torregalli, hanno partorito. La relazione - dieci cartelle fitte cui si sommano un'infinità di allegati - da ieri mattina è nelle mani dei vertici aziendali. Ufficialmente, niente la relazione avrebbe a che vedere con la morte di Patricia Castillo, la ventiseienne peruviana deceduta nell'aprile scorso dopo un intervento che avrebbe dovuto essere "banale", proprio in uno dei reparti chirurgici messi sotto esame. In realtà questa indagine interna - cui si aggiunge l'inchiesta che sta portando avanti il magistrato Tommaso Picazio - è nata proprio per verificare se e quanta responsabilità abbia avuto nella prematura scomparsa della ragazza la condotta professionale dell'allora primario, Paolo Casetti, indagato per Patricia e per altri episodi denunciati da ex pazienti. L'Asl ha chiesto al medico di occuparsi per tre mesi della redazione di un progetto sui percorsi assistenziali per i malati oncologici, distaccandolo all'Iot, ma Casetti ha rifiutato l'incarico, rivolgendosi al pretore del lavoro e reclamando un suo ruolo attivo, da chirurgo quale si sente, insomma. Ma il giudice non ha ritenuto valide le richieste del medico, che attualmente non lavora: si trova a casa, infatti, per motivi di salute. Per quanto riguarda le risposte consegnate dalla Commissione (composta da un chirurgo, un anestesista e un medico legale), sul primo punto, ovvero gli aspetti professionali degli atti chirurgici, gli esperti hanno detto di non potersi esprimere "per la ristrettezza dei tempi e perché ci sono altri a indagare". Per quanto riguarda la definizione di eventuali punti critici relativi alla qualità organizzativa dei vari percorsi diagnostico-terapeutico-assistenziali adottati nei singoli casi in esame e la definizione dei punti critici relativamente alla qualità della documentazione clinica, le risposte vengono riportate dal direttore generale della Asl Paolo Manichetti: «La Commissione ha evidenziato problematiche rilevanti al modo di tenere la documentazione clinica all'interno dell'area Chirurgica di Torregalli, soprattutto per quanto riguarda la Chirurgia Seconda (ovvero quella di Casetti, ndr.)», rivela. «Cartelle incomplete, non tempestive, che non mettono in condizione il paziente di essere seguito al massimo della qualità — riprende Menichetti —. Aspetti che non coinvolgono la Terapia intensiva, né la Rianimazione. Altri nei individuati dagli esperti riguardano gli aspetti organizzativi e gestionali, forse dovuti alla compresenza di tre primari nella stessa area, che operavano in orari diversi con lo stesso team infermieristico, nella più assoluta mancanza di consegne scritte. Comunicazione insufficiente fra medici della chirurgia e infermieri, insomma, come fra chirurghi e altri specialisti». Tesissimi infatti, all'epoca del fatto, i rapporti con i medici della Terapia intensiva e dell'Anatomia patologica. «Situazione che è stata fronteggiata», conclude Menichetti, che annuncia novità in arrivo per i circa 80 primari dell'Azienda. Novità contenute nel del decreto legislativo 229, che prevede nuovi contratti di 7 anni per i primari, sempre più... manager.

di Letizia Cini






INIZIO PAGINA



EDITORIALI
CRONACA
ESTERI
ECONOMIA & FINANZA
SPORT
TUTTOCALCIO
CULTURA & SPETTACOLI
WEB REPORTAGE
INTERNET & TECNOLOGIA
GIOCHI
MODA & TENDENZE
AUTO & MOTORI
MOTORSHOW
LINKS
lanazione.quotidiano.net/canali/sos_animali
VOCI DAL WEB
ITALIAN LIFE
PAGINA 3

"Troppe irregolarità nella Chirurgia di Torregalli"

L'assassino aveva lasciato la «firma»

Soffocò la madre con un sacchetto di plastica
I periti: «E' incapace di intendere e di volere»


Accusato di violenze alla figlia: assolto

Fatti e misfatti della clinica sotto accusa

Costanza e fiuto investigativo
per risolvere un giallo difficile


Cadde col motorino

FIRENZE
1  2  3  4  5  6  7  8  9  10  11 
SPE

Ligabue

Un'email

SPE